angelini

Come si misura la temperatura corporea


Pubblico / La febbre / Come si misura la temperatura corporea

Come si misura la temperatura corporea



Misurare correttamente la temperatura corporea è semplice e per farlo si possono utilizzare diverse modalità e varie tipologie di termometro, da scegliere in relazione alle preferenze individuali e alle caratteristiche del paziente destinatario della misura. Dal momento che per ottenere una valutazione affidabile è necessario mantenere una relativa immobilità durante la misura, la principale discriminante che deve guidare nell'individuazione del metodo e del dispositivo più adeguati è l'età.
Negli adulti si può procedere indifferentemente alla misurazione della temperatura ascellare, orale o rettale, ricordando che nei primi due casi il valore registrato corrisponde alla temperatura corporea esterna inferiore di circa 0,5C a quella interna, che si ottiene invece con la terza modalità di misurazione. Pertanto, se il termometro posizionato in bocca o sotto il braccio segna 37,5C significa che, in realtà, la temperatura corporea è di 38C.

Rispetto ai dispositivi utilizzabili, quelli più affidabili, sicuri e rapidi sono i termometri digitali, con sensore termico elettronico, disponibili in varianti adatte per un uso generale (analogamente ai vecchi termometri a bulbo contenenti mercurio, oggi non più in commercio) oppure per la misurazione auricolare od orale (ciuccio), specificamente sviluppati per neonati (con più di tre mesi) e bambini nei primi anni di vita.
Tutti forniscono un risultato preciso in 1-3 minuti, a patto di mantenere l'estremità con il sensore termico ben ferma e a stretto contatto con la cute o le mucose dell'area in cui si effettua la misura. Sconsigliabili, invece, le strisce termosensibili a cristalli liquidi: sono veloci e facili da usare, ma forniscono una stima della febbre molto approssimativa.
Per evitare errori di valutazione, la misura della temperatura corporea va effettuata a riposo, in un ambiente confortevole e dopo almeno 10-15 minuti dall'aver mangiato o bevuto cibi caldi o freddi (soprattutto, ma non solo, se si opta per la misurazione orale).

Fonte: