angelini

Le regole alimentari


Pubblico / Decaloghi / Le regole alimentari

Il decalogo sulle regole alimentari da seguire durante l'influenza



Durante la stagione influenzale, più che mai, il nostro organismo ha bisogno di seguire una dieta sana ed equilibrata. Allora vediamo insieme alcune semplici regole alimentari:

Aumentare le difese immunitarie

1. Aumentare le difese immunitarie

L'arancia, in particolar modo, è il frutto più consigliato durante l'influenza perché ricco di vitamina C e zuccheri. Oltre agli agrumi, anche il kiwi è un'ottima fonte di questa vitamina. Per aumentare le difese immunitarie sono indicati anche i succhi di frutti di bosco, che oltre ad avere un sapore gradevole, sono ricchi di antiossidanti.


Consumare verdura di stagione

2. Consumare verdura di stagione

Questa andrebbe mangiata cruda o poco cotta per preservarne intatte le proprietà benefiche di tutti i micronutrienti. Per esempio patate, zucche e carote bollite condite con un filo d'olio extravergine di oliva costituiscono un pasto leggero e ricco di carotenoidi.


Consumare pasti semplici, ma energetici

3. Consumare pasti semplici, ma energetici

Spesso capita che durante la fase acuta dell'in fluenza, non si abbia molto appetito. Per questo è consigliabile consumare, a pranzo o a cena, pasta o riso i cui carboidrati complessi rappresentano il principale carburante del nostro organismo. Via libera dunque a minestrine e brodini.


Fare il pieno di ferro

4. Fare il pieno di ferro

Oltre che nella carne, questo prezioso sale minerale, importante per la stimolazione del sistema immunitario, si trova nei legumi. L'ideale sarebbe cucinarli sotto forma di zuppe che offrono all'organismo anche una sensazione di benessere e calore.


Preferire le carni bianche e il pesce

5. Preferire le carni bianche e il pesce

Piccole porzioni di carni, meglio se bianche come il pollo e il tacchino, sono consigliate perché danno un giusto apporto di proteine e vitamina B12, necessaria per la sintesi dei globuli rossi e sono facilmente digeribili. Ilpesce invece, in particolare quello azzurro come il merluzzo, è ricco di omega-3 (antinfiammatori naturali) e di zinco (immunostimolante).


Usare antiinfiammatori naturali

6. Usare antiinfiammatori naturali

Se si sta male ma si vuole comunque insaporire il cibo, perché non usare aglio e cipolla? L'aglio è in fatti considerato un vero e proprio medicinale naturale, con proprietà antivirali ed antibiotiche, mentre la cipolla, ricca di flavonoidi, ha proprietà antisettiche ed aiuta a fluidificare il catarro.


Non eccedere in spuntini troppo calorici

7. Non eccedere in spuntini troppo calorici

Per fare uno snack può essere indicata la frutta secca, che contiene soprattutto la vitamina A ed E e sali minerali come il potassio, e il fosforo, utili a ricaricarci durante la convalescenza.


Proteggere la flora intestinale

8. Proteggere la flora intestinale

L'utilizzo di antibiotici o in generale di farmaci potrebbe infastidire i "batteri buoni" che popolano il nostro intestino. Se vogliamo proteggerlo, lo yogurt e tutti i derivati del latte sono quello che ci vuole. Ancora meglio sarebbe scegliere yogurt addizionati con fermenti lattici vivi.


Idratare il nostro organismo

9. Idratare il nostro organismo

Durante l'influenza, non bisogna mai dimenticare di bere. C hiaramente, oltre all'acqua, sono consigliabili i liquidi caldi come tisane, camomilla e tè, che possono avere un'azione fluidificante indiretta sul catarro.



Depurarsi

10. Depurarsi

La banana, fonte di potassio, è consigliata per fronteggiare alcuni sintomi dell'influenza come diarrea e nausea. Anche i legumi hanno proprietà depurative grazie all'alto contenuto di fibre. In caso di diarrea può essere anche utile mangiare una mela grattugiata con un po' di succo di limone.


Bibliografia

  • Chandra RK. Nutrition and the immune system from birth to old age. Eur J Clin Nutr. 2002.
  • Yaqoob P. Ageing, immunity andinfluenza: a role for probiotics? Proc Nutr Soc. 2014.
  • Lissiman E et al. Garlic for the common cold. Cochrane Database Syst Rev. 2012.
Scarica il decalogo in PDF