L'influenza nel bambino

Condividi su



Curare l'influenza nel bambino

Soprattutto nei primi anni di vita e in età scolare i bambini sono maggiormente suscettibili all'influenza e alle altre malattie da raffreddamento sia perché le loro difese immunitarie sono ancora in via di costruzione sia a causa della costante esposizione a virus e batteri dovuta alla permanenza per molte ore al giorno in luoghi chiusi (asili, aule e mense scolastiche, ecc.), a stretto contatto con coetanei e insegnanti potenzialmente infetti. Tuttavia, se il bambino è complessivamente sano ciò non deve rappresentare un particolare motivo di preoccupazione perché il suo organismo è perfettamente in grado di contrastare sindromi influenzali e raffreddori. In questi casi, dunque, la vaccinazione antinfluenzale, benché possibile, non è strettamente raccomandata.


Quali bambini bisogna vaccinare
Torna su  Torna su

Il discorso cambia quando il bambino è affetto da malattie croniche, soprattutto dell'apparato respiratorio (come asma o fibrosi cistica). In questi casi, per evitare di esporlo al rischio di complicanze più gravi (bronchiti e polmoniti) il Ministero della Salute e tutti gli organismi internazionali preposti al controllo dell'influenza e alla tutela della salute pubblica raccomandano di provvedere per tempo alla vaccinazione antinfluenzale stagionale, da pianificare insieme al pediatra a partire dal 6° mese di vita.
In particolare, vanno vaccinati contro l'influenza i bambini affetti da:
  • Malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio (inclusi asma persistente, displasia broncopolmonare e fibrosi cistica)
  • Malattie dell'apparato cardiocircolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite
  • Diabete mellito e altre malattie metaboliche
  • Malattie renali con insufficienza renale
  • Malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie
  • Tumori
  • Malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV
  • Malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinale
  • Patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici
  • Patologie associate a un aumento del rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es., malattie neurologiche e neuromuscolari)
  • Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di sindrome di Reye in caso di infezione influenzale

Fonti:



Altre regole di prevenzione utili nei bambini
Torna su  Torna su

Per ridurre il rischio di malattie infettive di ogni tipo bisogna inoltre ricordar ai bambini alcune norme igieniche fondamentali, tra le quali:
  • Non bere o mangiare da bicchieri e posate altrui
  • Stare lontani da chi tossisce
  • Non mettere oggetti d'uso comune vicino alle labbra
  • Non usare biro, matite, giochi, strumenti musicali, ecc., dei compagni
  • Non usare sciarpe o telefoni di altri
  • Coprirsi naso e bocca nell'incavo del gomito quando si tossisce o starnutisce
  • Per soffiarsi il naso o tossire utilizzare fazzolettini di carta da gettare nell'immondizia subito dopo l'uso
  • Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone oppure con soluzioni/gel disinfettanti
  • Evitare di toccarsi occhi e bocca con le mani non perfettamente pulite.

In aggiunta, per permettere all'organismo di trovarsi nelle migliori condizioni per contrastare l'attacco di virus e batteri, i genitori dovrebbero fare in modo che il bambino:

  • Segua un'alimentazione sana, nutriente e bilanciata, ricca di vitamine e sali minerali
  • Dorma un numero di ore sufficiente (8-10 per notte) e mantenga ritmi di vita regolari
  • Non sia esposto a sbalzi di temperatura né resti troppo a lungo in ambienti freddi
  • Indossi indumenti adeguati alle effettive condizioni ambientali e al tipo di attività svolta (quindi, caldi e protettivi se si esce di casa, ma non troppo pesanti all'interno o a scuola, dove giocando rischierebbe di sudare)

Fonti:



I sintomi dell'influenza nel bambino
Torna su  Torna su

Spesso i bambini, soprattutto i più piccoli, non percepiscono o non sanno comunicare con precisione i sintomi del proprio malessere. Devono pertanto essere i genitori a prestare attenzione ai segnali di una possibile influenza. I classici sintomi dell'influenza nel bambino comprendono:
  • Febbre
  • Tosse secca
  • Mal di gola
  • Raffreddore
  • Dolori muscolari
  • Mal di testa
  • Brividi
  • Stanchezza
  • Nausea e vomito

Fonte:



Quando interpellare il medico
Torna su  Torna su

Il medico va sempre interpellato quando sintomi influenzali o febbre compaiono in un bambino con meno di 6 mesi o affetto da malattie croniche specifiche che potrebbero aggravarsi a causa dell'influenza. A prescindere dall'età, inoltre, è importante richiedere l'intervento del pediatra quando si osservano:
  • Accelerazione del respiro
  • Colorazione grigiastra o bluastra della cute
  • Vomito profuso
  • Ridotta produzione di urina o pianto senza lacrime
  • Ridotto stimolo a bere
  • Sonnolenza e scarsa risposta agli stimoli
  • Irritabilità
  • Dolore toracico o addominale
  • Stato confusionale
  • Perdita di conoscenza
  • Febbre che non risponde ai comuni antipiretici (paracetamolo)

Fonte:



Che cosa fare se il bambino è ammalato
Torna su  Torna su

  • Tenere il bambino a casa, a riposo (ma non necessariamente a letto) in un ambiente confortevole (ma non troppo caldo)
  • Se c'è febbre, somministrare l'antipiretico (paracetamolo) ogni 4-6 ore o secondo le indicazioni del pediatra e vestirlo con indumenti che permettano di disperdere il calore corporeo in eccesso
  • Non somministrare mai acido acetilsalicilico (ASA) a bambini e adolescenti per evitare il rischio che si sviluppi la sindrome di Reye, una condizione rara, ma imprevedibile che determina vomito e nausea molto intensi, disturbi epatici e neurologici (perdita di memoria, confusione mentale, torpore, ecc.), fino al coma
  • Aerare spesso la stanza in cui soggiorna il bambino facendo attenzione a non fargli prendere freddo
  • Far bere al bambino molti liquidi (acqua, spremute, latte, minestre, ecc.), ma non forzarlo a mangiare se non se la sente. Proporre alimenti leggeri, ma nutrienti e facilmente digeribili
  • Se in famiglia vi sono altri bambini o nonni non ancora ammalati, cercare di far stare il bambino influenzato in una sola stanza per evitare di diffondere l'infezione
  • Se il bambino fatica a respirare, applicare impacchi caldi decongestionanti sul torace oppure effettuare aerosol con vapore caldo. Se è presente ostruzione nasale sono indicati i lavaggi con soluzione salina fisiologica (acquistabile in farmacia)
  • Se è molto piccolo o spaventato, stare il più possibile vicino al bambino e rassicurarlo

Fonte:





EDRA S.p.A. 2015
LOGIN
Accedi all'area riservata
Credits Note legali Privacy Gestione Cookie Medikey |   © EDRA S.p.A. 2017 - P.iva 08056040960