angelini

La vaccinazione antinfluenzale riduce ricoveri e mortalitą negli anziani


La vaccinazione antinfluenzale riduce ricoveri e mortalità negli anziani



I prevedibili effetti negativi del ridotto tasso di vaccinazione antinfluenzale tra gli anziani italiani si sono visti chiaramente lo scorso inverno, in termini di consistente aumento del numero di casi, spesso severi, dei ricoveri ospedalieri per complicanze (in particolare, polmoniti, insufficienza respiratoria, cardiopatie e scompensi metabolici) e dei decessi conseguenti. A certificare, per l'ennesima volta, i benefici della somministrazione del vaccino stagionale tra gli over65 sono, invece, i risultati di un recente studio statunitense che ha analizzato gli effetti dell'immunizzazione preventiva contro i virus dell'influenza tra gruppi di anziani residenti in case di riposo o strutture di lungo-degenza del New Hampshire.

In particolare, lo studio ha verificato l'esistenza di una significativa associazione tra vaccinazione annuale somministrata e riduzione dei casi di influenza e polmonite e della mortalità per tutte le cause in un campione di mille anziani ospitati in residenze convenzionate con Medicare, monitorati tra il 2000 e il 2009. Questa associazione è risultata marcata soprattutto per le forme influenzali causate da virus di tipo A/H3N2, di norma responsabili dei casi più severi e complicati. In particolare, si è visto che nelle stagioni in cui la composizione del vaccino raccomandato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sulla base delle previsioni epidemiologiche effettuate durante la primavera-estate, era più in linea con le varianti virali A/H3N2 effettivamente più diffuse durante il successivo autunno-inverno la mortalità per tutte le cause diminuiva del 2,0% e i ricoveri per influenza e polmoniti del 4,2% (riduzione relativa a un aumento dell'accoppiamento tra ceppi del vaccino e virus A/H3N2 ambientali dal 25% al 75%).

Due percentuali che possono sembrare basse a un primo sguardo, ma che, in realtà, si traducono in moltissime vite salvate e ospedalizzazioni evitate, posto l'elevato numero di over65 che ogni anno si ammalano di influenza, sia in residenze per anziani sia a casa propria. La raccomandazione, quindi, per tutti gli over65 è di vaccinarsi contro l'influenza fin dall'inizio del mese di novembre, considerando anche che il vaccino antinfluenzale è gratuito per gli anziani.

Fonte: Pop-Vicas A et al. Gozalo, Stefan Gravenstein, Vincent Mor.Estimating the Effect of Influenza Vaccination on Nursing Home Residents' Morbidity and Mortality. J Am Geriatr Soc, 2015; doi:10.1111/jgs.13617

Pubblicato il 29 Ottobre 2015